ACCADEMIA del MUSICAL di CASTROCARO © Accademia Teatrale – Drama School

ACCADEMIA di TEATRO / MUSICAL THEATRE – ALTA FORMAZIONE in RECITAZIONE, CANTO, MUSICAL THEATRE

SINGING and PERFORMING THEATRE/MUSICAL THEATRE: Tecnica Vocale, Corporea, Recitazione e Interpretazione nel Canto e nel Musical Theatre (ACTING THROUGH SONG): la VOCE e il CORPO: BELT, LEGIT, MIXED VOICE e molto altro…

SINGING AND PERFORMING THEATRE/MUSICAL THEATRE – ACTING THROUGH SONG

15-16 OTTOBRE 2022, 5-6 NOVEMBRE 2022, 26-27 NOVEMBRE 2022, 4-5 MARZO 2023 (il Laboratorio/Masterclass di Maggio 2023 non è aperto ad allievi esterni)

LAVORO SU CORPO e VOCE, TECNICA VOCALE, CANTO e INTERPRETAZIONE
PER IL CANTO, LA RECITAZIONE, IL MUSICAL THEATRE
MASTERCLASS/WORKSHOP INTENSIVO
PER CANTANTI (DI QUALSIASI STILE), ATTORI (teatro, cinema, televisione, voice over, doppiaggio…), PERFORMER DI MUSICAL THEATRE, DANZATORI
professionisti e non professionisti

TECNICA VOCALE, TECNICA CORPOREA, INTERPRETAZIONE SCENICA E ATTORIALE, STUDIO DEL REPERTORIO, TROVARE LA VERITÀ DEL PERSONAGGIO,COMUNICARE AL PUBBLICO IN MANIERA EFFICACE.

DOCENTE: FABIOLA RICCI

8

FABIOLA RICCI

con la collaborazione di GIULIO BENVENUTI

Giulio 2

GIULIO BENVENUTI

PER GLI ALLIEVI ESTERNI I LABORATORI/MASTERCLASS COSTITUISCONO UN PERCORSO UNICO ED APPROFONDITO, MA POSSONO ESSERE FREQUENTATI ANCHE SINGOLARMENTE. Gli allievi esterni avranno l’opportunità di studiare insieme con gli Allievi interni del Corso Professionale Triennale di Teatro/Musical Theatre.

– COME RAGGIUNGERE LA SINERGIA CORPO-VOCE

– POTENZIARE NATURALMENTE LA PROPRIA VOCE CANTATA, RECITATA E PARLATA

– IMPARARE IL VERO SIGNIFICATO DI CANTO e RECITAZIONE NEL MUSICAL THEATRE, E DEL FONDAMENTALE SIGNIFICATO DI “CORPO CHE COMUNICA”

– “ACTING THROUGH SONG”: OTTENERE UNA RECITAZIONE VERA E CREDIBILE NEL CANTO

– CANTARE QUALSIASI STILE MUSICALE SENZA AFFATICARE LA VOCE

– IMPARARE LA PRESENZA SCENICA, LA CREDIBILITA’ SUL PALCOSCENICO e a COMUNICARE CON IL PUBBLICO RECITANDO, CANTANDO, DANZANDO, ATTRAVERSO LA FONDAMENTALE UNIONE DELLO STRUMENTO CORPO E DELLO STRUMENTO VOCE

Foto MUSICAL SINGING and PERFORMING             ____________________________________________________________

ALCUNI ARGOMENTI SVILUPPATI

Docente: FABIOLA RICCI – (Metodo VOICE On STAGE©):

– unione CORPO-VOCE: il Performer e il significato di “corpo che comunica”
– gestione dello spazio scenico: improvvisazione guidata di gruppo
– il senso del corpo in scena come individuo e come gruppo
– la forza della coralità
– lo STATO EMOTIVO dell’ATTORE e lo STATO EMOTIVO del PERSONAGGIO: conseguente COMUNICAZIONE efficace e credibile verso il Pubblico
– riempire la scena, ovvero “LESS IS MORE”: l’energia e la presenza scenica del performer
– il musical è innanzitutto recitazione
– il musical non è un genere musicale ma teatrale
– il performer e la performance, l’integrazione del cantare e danzare recitando un personaggio
– il performer e la performance – “ACTING THROUGH SONG”: ottenere una Recitazione vera e credibile nel Canto
– il Personaggio non esiste
– differenza tra fare ed essere: la verità e la credibilità del personaggio
– lo studio del personaggio, suoi rapporti con gli altri personaggi e ruolo all’interno della storia
– la tecnica vocale nel canto e nella recitazione (Metodo VOICE ON STAGE)
– Belt, Legit e molto altro: le diverse vocalità, le diverse emissioni
– il carattere della voce come parte integrante del carattere del personaggio
– cantare il repertorio (a seconda del musical che si interpreta): coerenza voce-carattere del personaggio: portare in scena il personaggio e non la canzone
– cantare un brano da concerto e cantare un brano da musical: il canto teatrale
– importanza della pronuncia corretta – dizione e fonetica inglese (o altra lingua)
– cantare mentre ci si muove o si danza senza fare “ballare” la voce
– come evitare l’affaticamento vocale
– il microfono nel Musical Theatre: imparare a gestirlo fisicamente e acusticamente / il “Palco Muto”
INOLTRE:
IL DIAFRAMMA e le CORDE VOCALI: – cosa sono – a cosa servono e come funzionano
– TROVARE IL PROPRIO SUONO NELLA VOCE PARLATA, NELLA VOCE RECITATA, NELLA VOCE CANTATA: impadronirsi delle tecniche, conoscere il proprio timbro e la propria estensione (parlando, recitando, cantando) – esercizi specifici.
– La “voce di orecchie” (“ears voice”)
– voce di petto (M1), voce di testa (M2), registro di fischio (M3), suoni sovraglottici (M0)
– l’intonazione – imparare attivamente ad ascoltare e ad ascoltarsi, non solo a sentire e sentirsi
– il lavoro fisico sul corpo – fondamentale punto di partenza per arrivare ad un ottimo utilizzo della Voce, e ad un’ottima credibilità e presenza scenica
– trovare la sintonia perfetta respirazione-voce-corpo, anche al fine della resistenza fisica, per andare in scena 8 volte a settimana in grande forma
– l’equilibrio attraverso il disequilibrio
– la “maschera” è un concetto limitante: le vibrazioni percepite in quella zona sono solo una piccolissima parte delle sensazioni che il cantante/attore può avvertire nell’atto della produzione del suono. Insistere con il concetto di “voce in maschera” e “proiezione del suono” provoca anche fastidiosa e costante nasalizzazione del suono, nasalizzazione che va eventualmente ricercata solo per alcune interpretazioni particolari.
– Le reali cavità di risonanza e i concetti di “risonanza” e “consonanza”.
– perché, di conseguenza, pensare di “proiettare il suono in avanti, in maschera” risulta, nel tempo, deleterio per la salute della voce, che rischia di invecchiare precocemente.
L’INTERPRETAZIONE
– Fare diventare propria l’esecuzione di un brano recitato o cantato:
– il testo
– recitare / cantare un testo italiano
– recitare / cantare un testo in inglese (o altra lingua)
– importanza della pronuncia corretta (e varie sfumature)
– cantare un testo da musical
– la musica e il ritmo (nel recitato e nel cantato)
– cantare le note
– appoggiature, portamenti e altri abbellimenti
– Recitare / cantare con la voce e col corpo: LA PRESENZA SCENICA dell’attore, del cantante, del musical performer (STAGE PRESENCE)
lo STATO EMOTIVO dell’ATTORE e lo STATO EMOTIVO del PERSONAGGIO: conseguente COMUNICAZIONE efficace e credibile verso il Pubblico
– il Microfono nel Musical Theatre: imparare a gestirlo fisicamente e acusticamente / il “PALCO MUTO”
IL CANTO SOLISTICO, IL CANTO CORALE, IL CANTO NEL MUSICAL:
– il cantante solista e il performer di musical
BELT, LEGIT, MIXED VOICE E MOLTO ALTRO
– imparare a cantare in maniera sana per essere ottimi e consapevoli artisti: imparare la VOCE MISTA come le più grandi popstar e gli straordinari performer di Musical Theatre, per avere più potenza vocale in tutta l’estensione col minimo sforzo (leggi: quando cantare “in petto” è inutile, limitativo e dannoso, perché accelera il processo di invecchiamento della Voce)
– non esiste una voce “Vera” e una voce “falsa”: la Voce è VERA tutta, il punto è svilupparne l’ESTENSIONE COMPLETA (2 ottave e mezzo/3 ottave), imparando a cantare col massimo della resa e il minimo dello sforzo.
– differenze di emissione tra Legit e Belt – esempi ed esercizi per capirne la differenza
–il Belt deve essere imparato anche dagli attori, per avere una grande resa sonora durante la recitazione (quindi: il Belt non ha a che fare solo col canto)
– la tecnica del Belt deve essere insegnata da vocal trainer con grande e lunga esperienza, solo così si preserva la salute della voce
TECNICA VOCALE e INTERPRETAZIONE CANTATA E RECITATA: IMPOSSIBILE DISGIUNGERE L’UNA DALL’ALTRA.
– perché serve la tecnica vocale: imparare a non farsi male per non perdere la voce e cantare (e recitare) per molti anni
– trovare “il suono giusto”
– trasportare un brano in un’altra tonalità
– la presenza sul palco del cantante
– comunicare con il pubblico mentre si canta
– le mani (libere o occupate dal microfono palmare)
– i piedi
– il corpo
– lo sguardo
– esecuzione di un brano a scelta (previo accordo col pianista o su base)
– commenti, idee, suggerimenti per l’interpretazione di tale brano
– come preparare un’audizione, mock auditions, leggere e capire il bando di un’audizione
INFLUENZA DEL CIBO E DEGLI AGENTI ESTERNI SULL’ORGANO FONATORIO:
– igiene della voce: carboidrati, formaggio, caffeina, acqua, cibi salati, sigarette… come influiscono sulla voce
– importanza del foniatra, il medico delle corde vocali, a cui bisogna ricorrere raramente e solo in caso di necessità, altrimenti meglio cambiare insegnante di canto/recitazione.
– l’intonazione – imparare attivamente ad ascoltare e ad ascoltarsi, non solo a sentire e sentirsi
– il lavoro fisico sul corpo – fondamentale punto di partenza per arrivare ad un ottimo utilizzo della Voce, e ad un’ottima credibilità e presenza scenica
– trovare la sintonia perfetta respirazione-voce-corpo, anche al fine della resistenza fisica, per andare in scena 8 volte a settimana in grande forma
– come preparare un’audizione / leggere e capire il bando di un’audizione.

________________________________________________________

SI APPROFONDIRANNO INOLTRE I SEGUENTI ARGOMENTI, con FABIOLA RICCI e la collaborazione di GIULIO BENVENUTI:

Il corpo che ognuno di noi possiede è qualcosa da cui non possiamo prescindere, per un performer riuscire a gestirlo in scena è fondamentale per raggiungere quella naturalezza che rende credibili. Pertanto è necessario lavorarlo ed allenarlo in modo da riuscire a farlo lavorare con la massima facilità e scioltezza, capendo come farlo diventare un tutt’uno con la VOCE.

E’ necessario prendere coscienza del proprio “Strumento”, imparare a conoscere il proprio corpo, capire i propri limiti, superarli per quanto possibile e prendere coscienza delle proprie doti, sentire il corpo nella sua interezza e nelle sue singole parti.

– Allenare, potenziare, elasticizzare

riscaldamento fisico, che nel corso dello studio potrà essere personalizzato su ogni studente in modo tale da riuscire a diventare autonomi nel prepararsi prima di uno show.

  1. Coordinazione e uso dello spazio

Percezione dello spazio scenico a partire dallo studio delle varie parti del corpo, prima isolandole, per arrivare ad una nuova consapevolezza nella loro coordinazione.

Studio dello spazio attraverso le diagonali ( dalle camminate a tempo, fino a veri e propri momenti di danza). Studio delle dinamiche fisiche e di movimento con finalità attoriali (es. cadute, ubriacature) o con posture legate ad una caratteristica particolare del personaggio (zoppo, cieco, etc.).

  1. Uso degli oggetti e relazione con essi, inserimento di oggetti nelle diagonali ( sedie, tavoli ecc…), creando rapporti con essi.

Studio dell’oggetto nel suo uso abituale per capire il rapporto che il personaggi ha con questo.

  1. Mettersi in scena: studio della scena data senza parole ma solo con il corpo; poi inserendo oggetti ( che servano anche ad esprimere l’emozione del personaggio ) di qualsiasi tipo; aggiunta delle parole improvvisando sul tema della scena; infine ritorno alle battute assegnate, decisione di una regia arrivando agli oggetti che davvero sono utili alla scena. Il fine è giungere all’emozione credibile per il personaggio, e giusta per la scena.
  2. Altri metodi per arrivare alla credibilità del personaggio: dal movimento al suono dell’emozione.

In ognuna delle Masterclass/Workshop, i brani di Musical Theatre su cui si lavorerà saranno scelti tra le opere:

Cats, Les Misérables, Rent, Chicago, Sweet Charity, Evita, Miss Saigon, Jesus Christ Superstar, Grease, A Chorus Line, The Phantom of the Opera, Next to Normal, Elisabeth, Ghost, Billy Elliot, Wicked, Jekyll & Hyde, Rocky Horror Show, Matilda + brani classici del Teatro anglosassone, italiano ed internazionale, a partire da William Shakespeare

Foto VARI MUSICAL 2  Foto VARI MUSICAL

____________________________________________________________

Foto FABI promozionale a sx vestito nero a dx sorriso con ditoFABIOLA RICCI è Attrice, Cantante, Musical Performer, Singing/Voice Teacher, Vocal Coach, Drama Teacher (Docente di Teatro/Musical Theatre), Regista.

FABIOLA RICCI, Direttore dell’Accademia Teatrale – Drama School ACCADEMIA del MUSICAL di CASTROCARO. Attrice, Cantante, Performer tutt’ora in attività, esperta di Voce a 360° e Recitazione grazie al proprio lavoro artistico cinquantennale sul Palco, in Televisione, sul Set Cinematografico ed in Sala di Registrazione, cominciato in tenera età ed affiancato allo Studio della Danza Classica e Jazz. Studia Canto Operistico e per vent’anni anni si esibisce in Italia e all’estero nell’ambito del canto a cappella, sperimentando diversi generi e stili musicali (classico, pop, jazz, gospel, funk…), acquisendo versatilità nell’esecuzione vocale solista, d’ensemble e corale senza altri strumenti se non la Voce, mentre è protagonista di opere di Musical Theatre, di Prosa, Recital Teatrali “One Woman Show”, e Lead Singer in band Funk e Jazz. Crea il Metodo “Voice On Stage” per il Performer che Recita, Canta e Danza, basato sulla formazione della Voce insieme con quella del Corpo, determinanti per creare la verità e la credibilità di ogni personaggio che si porta in scena, sia in Teatro/Musical Theatre, sia nel Cinema, sia nella sala di Registrazione per Voice Acting, Doppiaggio e Voice Over, sia nell’ambito del solo Canto. Consegue la Laurea Magistrale in Lingue e Letterature Straniere col massimo dei voti all’Università di Bologna; vive, studia e lavora ad Oxford, Londra (dove redige la Tesi di Laurea su Letteratura Inglese e Cinema), Monaco di Baviera, Maastricht e Barcellona. Perfeziona la conoscenza della Cultura Teatrale Britannica, con cui è cresciuta, anche attraverso lo studio al King’s College di Londra di Shakespeare dal Testo al Palcoscenico, in collaborazione con Shakespeare’s Globe Theatre (Londra) e British Library. Si diploma a pieni voti nel Corso di Perfezionamento in Musica e Musicoterapia in Neurologia all’Università di Ferrara. È tra i massimi esperti italiani di Voce Cantata e Recitata per ogni ambito artistico, reale conoscitrice delle tecniche per l’insegnamento di Legit, Belt, Mixed Voice nel Canto, nella Recitazione e di “Acting Through Song”. È Arrangiatrice Vocale, Direttore di Coro, Vocal Coach, Docente di Tecnica Vocale, Corporea e Canto, Docente di Recitazione e Presenza Scenica e Regista di Teatro, di Concerti Live e Televisione. Recita e Canta in italiano, inglese, tedesco, spagnolo e francese. Continua a lavorare come Interprete e Docente in tutta Italia e all’estero. Dal 2012 è ufficialmente riconosciuta per le discipline riguardanti il Teatro e il Musical Theatre, oltre che per il Metodo di sua creazione “Voice On Stage – Metodo Fabiola Ricci per lo Studio di Corpo e Voce nell’Ambito Artistico” (Canto e Recitazione), ed è il Referente per chi desideri sostenere il complesso ed articolato esame pratico in tali discipline (riservato unicamente ai reali professionisti con esperienza) e potere essere iscritto al relativo Albo Professionale.
www.castrocaromusical.com

FABIOLA RICCI Bio


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: